News

06MARE 26.10.2014

06mare 

06 Mare 26.10.2014 - Le Frecce del Noncello trionfano nel Nudo, ma solo al Femminile.

 

Al secondo impegno del campionato Triveneto 2014/15 gli atleti della 07Naon ottengono brillanti risultati conseguendo ben 4 vittorie in un totale di 7 piazzamenti a podio. Gli arcieri del Mare, come di consueto, avevano programmato la battuta nella pineta del parco Nordio, nei pressi della foce del fiume Adige. Alle prime luci dell'alba una ventina di arcieri naoniani era partita dalla Destra Tagliamento per partecipare a questa che è forse la più popolare delle gare del Triveneto. Tralasciando le peripezie dell'itinerario stabilito dal leader delle trasferte, Daniele Santarossa, e gli ormai celeberrimi ristori luculliani approntati dai chioggiotti (disponibili addirittura bigoi in salsa), passiamo subito a descrivere l'andamento della gara. Pur mantenendo una disposizione generale similare, il Chieregato aveva predisposto una serie di piazzole con un grado di difficoltà ben più elevato delle competizioni precedenti e ciò si riflesse nei punteggi finali. Tuttavia, a livello personale, mi sento di dire che ciò presentò un notevole miglioramento, apportando situazioni di tiro veramente entusiasmanti per ogni tipo di arciere. Come detto la 07Naon si distinse anche in questa occasione. Nel nudo femminile le atlete "verdeacide" si aggiudicarono i primi tre posti, nell'ordine Bresciani, Pilotto e Celluprica, non imitate dai corrispettivi maschili Zucchetto e Leo solo un quinto e un settimo posto per loro. Nel ricurvo femminile la Maranzana e la Riccitelli ottenevano in ex-equo una beffarda medaglia di legno, per loro stesso punteggio e stesso nr. spot, mentre si attestava più addietro la poco più che esordiente DeAnna. Completava la spedizione femminile lo splendido primo posto nel Compound, sempre nudo, conquistato dall'ancora imbattuta Vittoria Burigana. Stefano Chiarelli si confermava ancora una volta il profeta tecnologico delle "Frecce del Noncello" imponendo  la propria netta superiorità ai quotati avversari della categoria cacciatori Compound Nudo. Per lui un primo posto con oltre 40 lunghezze di distanza sul secondo classificato. Nella medesima categoria meno brillante del solito risultava Roberto Moreal, una debacle inaspettata per il "muletto" di scuderia nel compund. Male anche nei ricurvi maschili, tutti attorno alla 20a posizione. Primo tra i naoniani, il Turbian, 18esimo, non si esprimeva al meglio delle sue possibilità così Giol solo 22esimo, mentre Roberto Sola (23) registrava un significativo salto di qualità. Da dimenticare, sempre nel ricurvo maschile, le prestazioni di Covre e del solito Santarossa, ora incalzato dal neofita Savoia Mauro. Roberto Della Pietra, nello storico maschile, si aggiudicava l'ennesima medaglia anche se stavolta si trattava solo del bronzo, mentre Roberto Valdi si districava con consunta esperienza in zona salvezza distanziando di poche lunghezze i propri inseguitori nel longbow. Tra i cuccioli spiccava la prova di Massimiliano Santarossa, nel freestyle il cordenonese trovava finalmente il giusto equilibrio e s'imponeva nella categoria realizzando lo stupefacente punteggio di 398 pt. riportando così, dopo anni di attesa, un titolo nella bacheca di casa Santarossa. Infine tra i cuccioli ricurvi chiudeva con un buon quinto posto il quasi esordiente Savoia Federico Primo. L'ultimo appuntamento per quest'anno solare si sarebbe tenuto quindici giorni avanti nel Veronese.

 

Informativa sull'uso dei cookie